Tondo: emisfero destro, creatività, adattabilità, empatia
Quadr(at)o: emisfero sinistro, razionalità, organizzazione, controllo

TondoQuadro integra psicologia, comunicazione, teatro e vita.
Un progetto che riunisce professionisti provenienti da studi ed esperienze diversi e complementari e si propone di fornire alle aziende soluzioni per l’organizzazione delle persone, l’acquisizione e lo sviluppo dei talenti, avendo come obiettivo il successo dell’impresa.

Costruiamo interventi multidisciplinari rivolti a singoli, gruppi e organizzazioni pubbliche e private, nei settori dell’industria, della commercializzazione e dei servizi. Il nostro paradigma prevede l’affiancamento al cliente per un certo tempo e per obiettivi prefissati e condivisi, attraverso il disegno di un percorso formativo unico ed originale, costantemente verificato e verificabile sia nella gamma di metodologie didattiche utilizzate, sia nel raggiungimento degli obiettivi: il potenziamento delle performance attraverso innovazioni del processo organizzativo; l’incremento della produttività attraverso la qualificazione – riqualificazione delle persone; la gestione del clima aziendale attraverso il benessere dei singoli e dei gruppi; il consolidamento dei saperi e delle esperienze manageriali e la valorizzazione del know-how.
Il nostro approccio è flessibile e personalizzato perché pone al centro le esigenze operative delle aziende. La nostra esperienza ricopre i campi della consulenza strategica e implementazione della politica di sviluppo delle risorse umane; reclutamento e selezione, bilanci di competenze; gestione delle carriere: formazione aziendale, formazione continua, sviluppo personale, valutazione delle competenze.

I nostri laboratori, interventi mirati e programmi di aggiornamento e formazione in ambito psico/relazionale e comunicativo si basano sull’importanza dell’esperienza e dell’apprendimento attraverso il fare.
Il successo di un’azienda è garantito dalla valorizzazione delle competenze relazionali, ossia da quell’insieme di “saperi” (del conoscere, dell’essere, del fare) che consentono ad ognuno di noi di gestire al meglio le relazioni interpersonali: saper comunicare efficacemente, saper ascoltare se stessi e gli altri, saper incontrare empaticamente l’altro, saper dare valore alla fiducia e all’autenticità, saper fare della pro-attività e dell’assertività il proprio modus vivendi.

Chi nasce tondo non diventa quadrato.
A convincersi dei luoghi comuni si fa presto: basta unire i puntini corrispondenti a carattere, esperienza, educazione, opinioni altrui, ruoli ereditati e acquisiti ed ecco il proprio ritratto, da affiggere in una bacheca. Intitolata a chi? Ai tondi? Ai quadrati? 

Scegliersi è necessario, ma una volta fatto impieghiamo il resto del tempo libero a occuparci della forma opposta, quella negata. La questione infatti non è de-finirsi ma per-mettersi, e vale tanto per un singolo individuo, quanto per un team di lavoro e infine per le entità collettive che chiamiamo aziende. E’ necessario com-prendere la forma che non è a fuoco, renderla nitida e viverne i pregi.